Risparmiare sulla Spesa alimentare: 20 trucchi per spendere meno

E’ possibile Risparmiare sulla Spesa alimentare senza rinunciare alla qualità dei prodotti acquistati?

Sapevi che in media una famiglia italiana spende 462€ al mese per fare spesa? Non si tratta di una cifra da poco, se consideriamo che lo stipendio medio di un lavoratore corrisponde a circa 1550€ al mese: praticamente, quasi un terzo dello stipendio viene utilizzato per la spesa.

Perché spendiamo tanto?

Il costo della spesa, negli ultimi anni, è salito costantemente. Al fatto che abbiamo esigenze alimentari sempre più particolari e costose (pensaci: qualche anno fa avresti mai pensato di spendere più di 10€ per acquistare salmone, avocado e semi di chia con cui preparare un semplice toast?), si aggiungono tutta una serie di strategie di marketing messe in atto dai supermercati per farci spendere di più. Un esempio classico è lo scaffale degli snack posto accanto alla cassa: una tentazione che porta molti clienti a fare una spesa inutile e costosa poco prima di pagare.

Risparmiare sulla spesa può essere una vera sfida. Ma è possibile: basta fare qualche piccolo cambiamento alle proprie abitudini e giocare di strategia.

Ecco 20 trucchi per risparmiare sulla spesa.

1. Fai la lista della spesa

lista della spesa

La prima regola d’oro per risparmiare sulla spesa è questa: fai sempre la lista! Non importa quanto buona sia la tua memoria: fare la lista della spesa è fondamentale perché:

  • eviterai che fame o stress ti spingano ad acquistare prodotti inutili;
  • saprai esattamente quello che ti serve comprare;
  • sarà più facile mantenere uno stile alimentare sano.

Come fare la lista della spesa? Semplice: appena finisci qualcosa in casa, appuntalo su un foglio o su una lavagnetta in cucina. Poi, prima di uscire a fare la spesa, dai un’occhiata al frigo e alla dispensa per controllare che non manchi qualcosa. Scrivi tutto e cerca di acquistare solo i prodotti che hai scritto nella tua lista.

Se sei rigoroso nel compilare la tua lista della spesa ma finisci sempre per dimenticarla a casa, puoi provare a usare il tuo smartphone: appunta la lista della spesa sulle Note oppure scarica un’app apposita, come Intellist, disponibile su iOS, o Listonic, per Android, che ti permettono di creare una lista della spesa, di sapere in anticipo quando spenderai e condividerla con gli altri membri della tua famiglia.

2. Stabilisci un budget e porta i soldi “contati”

Stabilisci un budget per la tua spesa e, per rispettarlo, portati dietro i soldi “contati”: solo quelli previsti dal budget, né più né meno.

Sapere qual è il limite massimo che sei disposto a spendere ti permetterà di scegliere più accuratamente cosa comprare e cosa no, e ti impedirà di acquistare prodotti non essenziali.

3. Porta le buste da casa

buste della spesa

Portare le buste per la spesa da casa ha tanti vantaggi:

  • dal punto di vista economico, risparmierai fino a 20€ l’anno: non si tratta di una cifra astronomica, ma sono comunque soldi (e quindi ore di lavoro per guadagnarli) non buttati;
  • le buste ti daranno un riferimento visivo di quanto stai acquistando;
  • è sostenibile per l’ambiente: portando la tua busta da casa eviterai di utilizzarne una di plastica usa e getta.

Vorresti portare la tua busta da casa ma alla fine la dimentichi sempre? Portala sempre con te: tienine una nella tua borsa, lasciane qualcuna in auto, appendile insieme alla giacca all’attaccapanni.

4. Non fare spesa a stomaco vuoto

Può sembrare banale o stupido, ma non è così: fare la spesa a stomaco vuoto ti porta davvero a spendere di più.

Quando hai fame, infatti, tendi ad acquistare più prodotti alimentari e quindi a spendere di più. E non solo: probabilmente acquisterai dolciumi, patatine, snack e cibo spazzatura che avranno un peso non solo sul tuo portafogli, ma anche sulla tua linea e sulla tua salute. Cerca quindi di fare spesa subito dopo pranzo o dopo uno spuntino.

5. Controlla le offerte

offerte speciali

Prima di fare spesa, controlla quali sono le offerte del tuo supermercato. Puoi fare scorta di volantini per confrontare i prezzi o utilizzare il web: ad esempio, sul sito e sull’app di DoveConviene.it puoi trovare tutti i volantini delle principali catene di supermercati in formato digitale, consultarli comodamente da smartphone senza sprecare carta e ricevere addirittura notifiche per le nuove offerte.

A questo punto, puoi preparare il tuo piano d’azione: confronta i prezzi dello stesso prodotto nei diversi supermercati e scegli dove comprare ciò che ti serve.

Ma attenzione! Sempre più spesso i supermercati propongono promozioni che il realtà non convengono affatto. Prima di lanciarti sugli yogurt in offerta, quindi, controlla:

  • che la scadenza non sia troppo ravvicinata;
  • che tu abbia davvero intenzione di consumare quell’alimento;
  • che il prodotto in offerta non costi comunque di più di uno simile, venduto a prezzo pieno, ma di un’altra marca.

6. Fidati di discount e sottomarche

Discount e sottomarche: sì o no?

Sia le sottomarche presenti sugli scaffali dei grandi supermercati che i prodotti da discount sono venduti a prezzi molto più bassi rispetto alle grandi marche; questo però non significa necessariamente che non siano buoni, anzi: sapevi che molti di questi prodotti vengono in realtà dagli stessi stabilimenti produttivi dei marchi più famosi?

Ti basta controllare le etichette e scoprirai che:

  • il riso Carosio venduto al Lidl è prodotto da Riso Scotti;
  • i biscotti a marchio Coop vengono dallo stesso stabilimento di quelli Galbusera;
  • le ricottine Land in vendita all’Eurospin sono prodotte da Granarolo;
  • i succhi di frutta Selex vengono dagli stabilimenti Yoga;
  • e di esempi potremmo farne tanti altri!

Ma allora perché questi prodotti a marchio discount costano meno dei più celebri cugini?

  • a volte dipende dal minor assortimento;
  • a volte si tratta di una semplice scelta di marketing: il discount decide di guadagnare una percentuale minore sul singolo prodotto e di puntare a grandi volumi di vendita per guadagnare;
  • a volte si tratta semplicemente di prodotti meno…belli: mozzarelle dalla forma irregolare, biscotti un po’ spezzettati, zucchine con il gambo troppo lungo e così via.

Discount e sottomarche quindi non sono da escludere a priori, anzi: ti permetteranno di risparmiare sulla spesa senza dover necessariamente rinunciare alla qualità.

7. Acquista prodotti locali e di stagione

risparmiare comprando prodotti stagionali

Quando acquisti frutta e verdura esotiche o non stagionali, stai acquistando dei vegetali prodotti in paesi lontani e trasportati nel tuo supermercato dopo viaggi lunghissimi. Questo significa:

  • che il frutto o la verdura non saranno mai buoni come quelli locali, in quanto sono stati colti acerbi e maturati in viaggio;
  • che, per arrivare alla tua tavola, l’alimento in questione ha inquinato il pianeta con il suo lungo viaggio;
  • che le spese di trasporto avranno un impatto sul prezzo.

Acquistare prodotti di stagione e a km 0 non solo è un toccasana per la salute e per l’ambiente, ma ti farà risparmiare tantissimo: scegli frutta e verdura stagionali e italiane e, se puoi, acquistale al mercato o direttamente dal produttore.

Questo ragionamento vale anche per formaggi, uova, carne e pesce: più corta è la filiera alimentare, più buono sarà il prodotto e più risparmierai sulla spesa, perché il prezzo finale non includerà né le spese di trasporto né la percentuale di guadagno degli intermediari (grossisti e supermercati).

8. Controlla le scadenze

Far scadere i prodotti nel frigo non è solo uno spreco di soldi, ma anche uno spreco alimentare. Per questo, quando acquisti cibi freschi (latte, yogurt, affettati, formaggi, panna, uova, pasta sfoglia, pasta fresca e così via) controlla sempre la scadenza e scegli le confezioni con la scadenza più lontana.

Poi, quando torni a casa, assicurati di riordinare il cibo in frigo e in dispensa posizionando gli alimenti che scadranno prima più avanti: in questo modo li avrai sotto gli occhi e li consumerai prima che vadano a male.

9. Fai la spesa per la sera

Un altro discorso vale invece per i prodotti a scadenza molto ravvicinata.

Alcuni supermercati infatti vendono i prodotti in scadenza a prezzi scontatissimi, arrivando a farli pagare anche la metà.

Sfrutta questi prodotti per risparmiare sulla spesa: acquistali e pianifica i tuoi pasti successivi in modo da consumarli in giornata.

10. Sfrutta i coupon e i ticket

coupon per la spesa

Uno dei metodi migliori per risparmiare sulla spesa è quello di utilizzare i famigerati coupon. A volte puoi trovarli nei volantini, a volte ti verranno consegnati alla casa dopo aver comprato un certo prodotto, altre volte portai guadagnarli utilizzando alcune app, ad esempio un’app di sondaggi.

Non tutti sanno, però, che molti coupon possono essere scaricati gratis online su siti come questi:

  • Sconto Omaggio, in cui puoi trovare sia coupon e buoni spesa che tutte le informazioni su raccolte punti, operazioni a premio sicuro o omaggi gratuiti;
  • Buoni Per Tutti, il servizio del Corriere della Sera che ti tiene informato su coupon e omaggi;
  • Che Buoni, dove troverai coupon, informazioni sui programmi fedeltà dei principali supermercati e offerte con cui ottenere prodotti omaggio;
  • Coupon da Stampare, con coupon di ogni tipo divisi per categorie.

Oltre a buoni e coupon, un ottimo metodo per risparmiare è quello di sfruttare i ticket che vengono forniti da molte aziende come buoni pasto. E, se la tua azienda non te li fornisce, prova a chiedere al tuo datore di lavoro se è possibile ottenerli e come.

11. Utilizza le carte fedeltà

Quasi tutte le catene di supermercati propongono programmi fedeltà con carte che danno accesso a sconti esclusivi o a raccolte punti.

Tutto quello che devi fare per averle è compilare un modulo: fallo in tutti i supermercati che frequenti e ricordati di presentare la tua carta fedeltà alla cassa insieme alla spesa.

12. Non aver paura di metterci troppo tempo

supermercato

Se vuoi risparmiare, dedica alla spesa tutto il tempo che serve. Fare la spesa di fretta ti porterebbe ad acquistare le prime cose che vedi, senza fare attenzione a prezzi o offerte.

Prenditi quindi il tuo tempo per confrontare prezzi e offerte, per guardare bene tra gli scaffali e per scegliere i prodotti migliori.

13. Vai dritto al punto

Evita le corsie dove sono presenti le tentazioni, ovvero tutti quei prodotti che non ti servono per davvero ma che potresti essere tentato di acquistare.

Vai dritto al punto: se hai bisogno di uova, vai direttamente allo scaffale delle uova. Poi, una volta lì, puoi prenderti tutto il tempo che ti serve per scegliere le migliori, come ti consigliavamo nel paragrafo precedente. Evita però di divagare e gironzolare a vuoto tra le corsie inutili: stai lontano dalle corsie in cui sono esposti dolciumi, snack, riviste, trucchi, gadget, ed evita sempre le corsie dei giocattoli e delle merendine quando fai spesa con i bambini.

In questo modo vedrai che smetterai di ritrovarti in cassa con il carrello pieno di oggetti inutili (e magari di dimenticare proprio le uova, che erano il motivo per cui sei andato a fare spesa).

14. Fai le scorte

Quando trovi un prodotto che usi spesso in offerta, fai scorta! Approfitta dei multipack e delle offerte come il classico 2×1 su prodotti per la pulizia e l’igiene o sugli alimenti a lunga conservazione (come pasta, legumi secchi, olio, salsa di pomodoro, cibo in scatola, caffè, bibite e così via).

Spenderai di più al momento ma risparmierai sul lungo periodo, perché non dovrai acquistare quei prodotti a prezzo pieno quando l’offerta finirà.

15. Evita i cibi preparati

Quando acquisti i cibi preparati, vai a pagare non solo l’alimento in questione, ma anche la comodità della preparazione. Evita quindi:

  • i cibi precotti o già pronti da scaldare al microonde, che oltre a costare di più sono ricchi di additivi e conservanti;
  • le verdure pre-lavate e pre-tagliate, come le classiche insalate imbustate. Non lasciarti tentare dal prezzo apparentemente basso delle confezioni: un sacchetto da 100gr di insalata già tagliata costa quanto un chilo della stessa insalata comperata intera in ceppi!
  • il formaggio grattugiato: sapevi che il prezzo al kg arriva ad essere anche di 10€ più alto rispetto a quello del pezzo di formaggio intero?

16. Controlla il prezzo al chilo

Come ti accennavamo nel paragrafo precedente parlando del formaggio grattugiato e dell’insalata in busta, a volte i supermercati propongono piccole confezioni a prezzi apparentemente molto bassi, ma che in realtà sono altissimi per la quantità in cui vengono forniti.

Non lasciarti ingannare dalle cifre che leggi sul cartellino: controlla sempre qual è l’effettivo prezzo al chilo o al litro e quanto pesa la confezione, e fai le tue valutazioni.

17. Non comprare l’acqua in bottiglia

acqua in bottiglia

Sapevi che, bevendo acqua in bottiglia, spendi tra i 200 e i 300€ l’anno? E che solo un terzo di tutte le bottiglie che consumi viene riciclato, mentre il resto finisce in discarica?

Comprare l’acqua in bottiglia è un grande spreco, sia di risorse che di denaro: soprattutto se consideri che l’acqua di rubinetto è perfettamente sicura da consumare quasi in tutta Italia. E se hai dubbi sulla sicurezza dell’acqua di rubinetto nel tuo comune, piuttosto che acquistare acqua in bottiglia, preferisci riempire le tue bottiglie in uno dei distributori presenti in moltissime città oppure investi in un depuratore per il rubinetto o in una caraffa filtrante.

18. Guarda gli scaffali bassi

Tra i trucchi strategici utilizzati dai supermercati per farti spendere di più, c’è quello di posizionare i prodotti più costosi ad altezza occhi: così, se sei di fretta o non fai attenzione, tenderai a prenderli senza pensarci su.

La prossima volta che vai a fare la spesa controlla bene gli scaffali più in basso: è lì che si nascondono i prodotti che costano meno!

19. Controlla le confezioni

prodotti sfusi

Sapevi che gli imballaggi e le confezioni costituiscono anche il 35% del prezzo finale di un prodotto?

Sempre più supermercati propongono prodotti come legumi secchi, cereali e cibo per animali sfusi: sceglili e non solo risparmierai sullo scontrino, ma farai anche una scelta più eco-sostenibile.

20. Tieni traccia di ciò che spendi

Il primo passo per gestire bene i propri guadagni e risparmiare è sapere esattamente quanto spendi e per cosa: solo in questo modo saprai quali spese sono essenziali e quali invece è possibile tagliare.

Prepara un quaderno delle spese o crea un foglio di Excel e appunta nel dettaglio quali e quante sono le tue spese mensili: ti renderai conto di spendere più di quanto immagini in prodotti di cui potresti tranquillamente fare a meno, e potrai facilmente aggiustare il tiro.

Lascia un commento